Le prime formalità (Sochnut – Bituah Leumi – Banca – Misrad Hapnim)

MAPPA PER DISTRICARSI NELLA BUROCRAZIA ISRAELIANA

PREMESSA

Israele è un Paese complesso a livello istituzionale e giuridico, in quanto nasce dall’intreccio di leggi e istituzioni dell’Impero Ottomano, del Mandato Britannico e di regole ereditate dal Diritto romano.

Dunque, è meglio non fare troppi paragoni col sistema italiano al quale sei abituato. Piuttosto vedi la situazione qual è qui e adesso.

Un’altra precauzione è quella dei consigli di amici e parenti. Quando ti danno un’informazione, chiedi sempre quando loro ne sono venuti a conoscenza e da quale fonte. Infatti le norme in Israele  cambiano annualmente con ogni Legge Finanziaria e talvolta anche a valle di essa. Infine una caratteristica di ogni israeliano che si rispetti è che “ovviamente” lui o lei ne sa di più di chiunque altro: a volte è vero, più spesso no… e comunque non accontentarti.

Perciò verifica sempre tutte le informazioni alla fonte, vale a dire con gli uffici preposti. Di seguito tentiamo di tracciare i profili delle principali Istituzioni con cui l’Olé si confronta subito a seguito dell’ingresso in Israele.

LA SOCHNUT – L’AGENZIA EBRAICA

Hai conosciuto l’Agenzia Ebraica in Italia che ha predisposto le tue pratiche per l’Aliyà. Appena arrivato all’Aeroporto Ben Gurion i funzionari della Sochnut ti hanno accolto, consegnato la Teudat Zehut (Carta d’Identità), l’iscrizione a una Kupat Holim, l’Assicurazione Sanitaria, a tua scelta (che però potrai cambiare in seguito), forse anche una scheda telefonica e poi hanno predisposto il tuo trasferimento al domicilio prescelto. Ti assegnano un assegno di sussidio per i primi sei mesi, un buono per un ulpan semestrale e ti chiedono di aprire un conto corrente in una banca a tua scelta (già, ma quale?).

Ma che cosa fa oltre a questo la Sochnut? Questa organizzazione amministra fondi, crediti e benefici (i “diritti”) degli olim hadashim. Dunque la Sochnut è un organismo che amministra denaro o facilitazioni (sconti) per l’assorbimento dell’Olé e che può decidere soltanto in un quadro prestabilito di norme. Qualche eccezione minore è negoziabile, ma non facciamoci troppe illusioni.

Ad esempio la Sochnut ti eroga il sussidio iniziale per 6 mesi (Leggi qui: Paniere per l’Integrazione – Sal Klità), per ogni mese di presenza in Israele; ma nel caso di viaggi fuori da Israele, tali sussidi vengono sospesi. Per questo è d’obbligo prima e dopo ogni viaggio segnalare alla Sochnut i propri viaggi all’estero, tramite l’ufficio di zona. Se i viaggi sono giustificati ma non troppo frequenti, spesso è possibile prorogare i sei mesi per la somma dei periodi trascorsi fuori da Israele.

La Sochnut in base alla condizione di ole hadash, toshav hozer, studente Alef 1 e altre categorie meno comuni, collega un pacchetto di diritti economici convenzionali (vedi la TABELLA DEI BENEFICI DELL’ALIYÀ e visita questi link su internet (in lingua Inglese, francese, spagnola, russa ed ebraica) http://www.moia.gov.il/English/Subjects/FinancialAssistance/Pages/default.aspx  e http://www.moia.gov.il/English/Subjects/FinancialAssistance/Pages/TableAmountsBasket.aspx ).

(Per tradurre rapidamente in Italiano, sia pure a volte con errori tragicomici di cui tenere conto, ricorri a Google Translate. Meglio però un traduttore “umano”)

La Sochnut comunica col Bituah Leumi (vedi oltre) la tua condizione individuale per l’Assicurazione medica che la Sochnut pagherà per i primi 12 mesi agli inoccupati, purché non lascino il Paese nei primi sei mesi dall’Aliyà.

Per trovare lavoro la Sochnut offre una serie di proposte in lingua Inglese, francese, spagnola, russa ed ebraica http://www.moia.gov.il/English/Subjects/Employment/Pages/default.aspx

Per chi parla solo l’Italiano: l’Irgun Oleh Italia propone una consulenza personale gratuita per ottenere un’analisi delle competenze (motivazioni, migliori abilità pratiche, migliori abilità professionali) e confrontarsi con il mercato del lavoro in Israele. Telefonare per informazioni a: 0546262041, Alberto.

MOSAD LEBITUAH LEUMI – ISTITUTO DI PREVIDENZA SOCIALE

Il Mosad LeBituah Leumi (BL) è l’Ente più influente del sistema israeliano, svolge fra l’altro anche le funzioni dell’INPS italiano ed è con esso convenzionato per totalizzare i contributi. Il BL raccoglie i contributi lavorativi, eroga contributi per l’assicurazione sanitaria, invalidità, indennità di disoccupazione e pensioni. Visita il sito (in più lingue) :  https://www.btl.gov.il/English%20Homepage/Pages/default.aspx

Nota che le regole dell’Istituto di Bituah Leumi (BL) non coincidono quasi mai con quelle della Sochnut o del Misrad Hapnim e talvolta anche quello che è valido per il BL nei tuoi confronti, potrebbe non esserlo per un amico Olè, per esempio a causa del diverso status (Residente Temporaneo, Studente Olè Hadash o Olè Hozer o Toshav Hozer), stato civile, età ecc.

Un’altra questione è originata dagli impiegati del BL: talvolta danno risposte contrastanti fra loro; per porvi un rimedio, chiedi sempre il nome della persona che ti risponde e se hai dei dubbi, chiedi di parlare col capo ufficio (Rosh Mador). Soprattutto verifica sempre.

Il BL controlla di diritto che tu risieda in Israele per 183 giorni all’anno per farti godere dell’assistenza sanitaria e altri diritti riservati agli olim residenti. Nota bene che questa è una regola internazionale. Anche in Italia un cittadino italiano AIRE può recuperare la propria residenza solo dopo 183 giorni di permanenza accertata.

Attualmente (marzo 2018) dal primo anno di residenza in Israele, e solo per l’Oleh Hadash, il periodo dei 183 giorni può essere spezzettato in unità di 25 giorni consecutivi e poi cumulato. Periodi inferiori a 25 giorni sonno inutilizzabili quindi nulli. Viceversa per il Toshav Hozer è fatto obbligo di permanere in Israele per sei mesi consecutivi per ottenere l’assicurazione medica. Dopo i 67 anni per l’uomo e 65 per la donna, i cittadini residenti ottengono lo status di toshav vatik (cittadino senior) che da facilitazioni economiche marginali esibendo una tessera che BL invia per posta.

Tutte queste regole sono scritte sul sito del BL.

Qualora il lavoro ti porti comunque a risiedere all’estero per oltre cinque anni, occorre fare una domanda di espatrio per motivi di lavoro, documentando accuratamente l’incarico e le modalità di lavoro. Vedi https://www.btl.gov.il/English%20Homepage/Insurance/An%20Insured%20Person%20Residing%20Abroad/Pages/default.aspx

Se un Olè non risiede per almeno 6 mesi consecutivi in Israele, il BL su sollecitazione dell’Assicurazione medica, che dobbiamo ugualmente informare, sospende i contributi per l’Assicurazione sanitaria. Essa tuttavia è obbligatoria e dunque occorre pagarsela per intero privatamente (circa fino a 11.000 shekel/anno).

Un ultimo argomento è la pensione di vecchiaia. Per averne diritto bisogna che un uomo abbia compiuto 67 anni e una donna 65 ed abbia un reddito minimo di importo fissato annualmente. Per richiederla occorre fare domanda al BL presentando la propria situazione patrimoniale, in base alla quale il BL accoglie o respinge la domanda. Informazioni aggiornate all’ufficio della BL locale. Per la compilazione dei documenti BL dispone di volontari che assistono il cittadino e compilano i questionari.

MISRAD HAPNIM

Il MhP è il Ministero che gestisce la vita civile dei cittadini, dunque è il luogo dove si ottengono carta d’identità, passaporto, certificati di residenza, di stato civile, di cittadinanza ecc.

Inizialmente in Italia hai già fornito alla Sochnut tutti i documenti richiesti e per questo all’arrivo all’aeroporto ti rilasciano la carta d’identità. Ma in casi particolari occorre integrare la pratica istruita dalla Sochnut con nuovi documenti, e il luogo è appunto il MhP che fornisce l’elenco dei documenti mancanti.

Con l’applicazione myVisit (su Google Play) si prendono comodamente appuntamenti presso qualunque ufficio del MhP per molti tipi di richieste ed è molto raccomandato per evitare code eterne.

Il MhP e il BL non sono collegati e ciascun Ente si considera indipendente dall’altro per quanto concerne regolamenti, diritti e doveri dell’Olè.

Si può avere il Passaporto, adesso in formato biometrico obbligatorio per legge, già appena arrivati nel Paese.

ASSICURAZIONE SANITARIA

In Israele ogni cittadino o nucleo famigliare sceglie una Compagnia di Assicurazione Sanitaria; si tratta di Compagnie Assicurative dunque i servizi offerti non sono identici fra loro. All’aeroporto ti hanno chiesto quale Compagnia vuoi, ma comunque è possibile cambiare in seguito).

La Sochnut e il BL pagano i primi sei mesi dopo i quali l’Olè contribuisce in base alla propria situazione economica. La scelta della Compagnia assicurativa è personale e può dipendere da alcuni fattori non solo sanitari, ma logistici o dalle referenze raccolte da conoscenti e amici. A detta di molti le compagnie si devono valutare dai loro servizi e dalla rete di ospedali convenzionati, a parte il Medico di Famiglia che si può solo valutare direttamente o da referenze affidabili di altri pazienti.

Ripetiamo che se un Olè al primo anno non risiede per almeno 6 mesi consecutivi in Israele, il BL e l’Assicurazione medica, ugualmente informati, sospendono l’Assicurazione sanitaria; tuttavia poiché è obbligatoria per legge, l’Olé non residente dovrebbe pagarsela per intero privatamente (circa 11.000 shekel/anno).

Infine un’indicazione utile e tutta italiana:

AIRE (Residente all’Estero):  è la condizione per un cittadino italiano che ne faccia richiesta in previsione di almeno  dodici mesi di assenza dall’Italia. In pratica dopo sei-dodici mesi che risiedi in Israele, è bene iscriversi al registro dei cittadini italiani residenti in Israele presso l’Ambasciata d’Italia a Tel Aviv o Gerusalemme (su appuntamento da fissare dal sito). Questa decisione ha delle conseguenze importanti in ambito fiscale e amministrativo in Italia, pertanto è un passo che molti preferiscono fare con l’assistenza di un consulente (commercialista, fiscalista ecc.).

Comitati degli Italiani Residenti all’Estero (Comites) – Israele

Per restare aggiornati sulla vita degli Italiani in Israele, per contatti, eventi, ma anche questioni burocratiche con le norme italiane (il sito dipende dal Ministero degli Esteri) iscriviti gratuitamente alla newsletter del Comites, aperta a tutti:
Sito internet: www.comites.org.il
Email: info@comites.org.il
Telefono: +972-53-8585658
Linea Assist Ita (attiva giovedì dalle 12 alle 13): +972-54-4404351 solo per problemi o domande relativi alle norme del Governo Italiano per gli Italiani residenti all’estero (AIRE).
www.facebook.com/comitestelaviv